Laguna Seca prove libere: Lorenzo imprendibile, segue Pedrosa

E’ Lorenzo il pilota più veloce alla fine della seconda sessione di prove libere che interessano i campioni del Motogp.

Lo spagnolo chiiude le prove fermando il cronometro a 1:22.056, ben 4 decimi in meno rispetto alle prove del mattino.

Segue Daniel Pedrosa che pare essersi ripreso benissimo dopo i due interventi subiti alla spalla. Pedrosa chiude le sue prove con un tempo di 1:22.197, a 141 millesimi da Lorenzo, tempo che fa ben sperare per le qualifiche ufficiali di questa sera.

Chiude il terzetto Casey Stoner che si migliora rispetto alle prove del mattino ma non realizza un tempo da leader. Miglior giro in 1:22.231, 175 millesimi più lento di Lorenzo.  Questi tre piloti si giocheranno la pole fino all’ultimo decimo.

Il primo pilota italiano lo troviamo al quarto posto: Dovizioso termina le prove registrando un 1:22.537 migliorando il tuo tempo di ben 4 decimi.

A seguire Ben Spies con 1:22.615 e Marco Simoncelli con 1:22.803.

Bautista segna un gran tempo nelle prove libere piazzandosi al settimo posto. Vedremo se stasera riuscirà a confermare questo salto di qualità non indifferente.

De Puniet ed Edwards chiudono le prove rispettivamente ottavo e nono e soltanto al decimo posto troviamo la prima Ducati di Hyden che chiude le prove in 1:23.195 e predece il compagno di scuderia Valentino Rossi che fa registrare un 1:23.369.

Segue Randy De Puniet  che passa  dalla dodicesima posizione all’ottava nella tabella dei tempi: 1:23.135 per lui.

Chiudono la classifica delle prove libere Hector Barbera  in 12esima posizione (1:23.424), seguito da  Cal Crutchlow  13º con 1:23.707, e Karel Abraham , 14º con 1:23.811.

Toni Elias  conclude 15º davanti a Hiroshi Aoyama, Loris Capirossi (Pramac Racing) e Ben Bostrom al suo esorido nel MotoGp prima e supponiamo unica gara del campionato.

Non ci resta che attendere questa sera per le prove ufficiali e vedere quali di questi piloti riusciranno a migliorare o confermare le posizioni ottenute in FP2.

Foto via independent.co.uk

Pin It

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *